ostetrica Montebelluna e Treviso

Secondo Trimestre di Gestazione

Cosa accade durante il secondo trimestre di gravidanza

Mi ricordo chiaramente quando, dopo il caos dei primi mesi di gestazione, mi godevo un ritrovato senso di benessere.

Ricordo chiaramente l’emozione di quelle settimane: era la gioia, profonda, partiva dalla pancia, da mia figlia e arrivava a prendermi tutta.

Ricordo che passavano i giorni e lei, la gioia, rimaneva. Era quasi diventato uno status emotivo.

Come me, tante donne, superata la prima boa, ritrovano una profonda sensazione di benessere: il grande “regalo” dei diversi ormoni che conducono questo periodo.

Infatti la placenta cresce fino alla 20° settimana di gestazione (circa) e poi conclude la sua formazione. Raggiunge quindi il suo pieno potenziale e inonda la donna con gli ormoni della gravidanza.

secondo trimestre di gravidanza

A livello comportamentale, la produzione ormonale ti stimola l’apertura emozionale, favorisce i sogni, favorisce l’incontro e il dialogo con il bambino in grembo.

I tuoi comportamenti cambiano. Le basse energie del primo trimestre ora tornano, la nausea e il vomito terminano, lasciando una nuova condizione di benessere.

 

Il benessere è nel corpo e nella mente.

 

Attenta però.

Se è vero che le energie e la voglia di fare sono tornate, l’adattamento alla gravidanza richiede alcuni spazi periodici di rallentamento, per favorire lo “scarico” dello stress e il contatto con il bambino.

Nelle situazione dove ti senti inondata di stress e/o senza supporto, è indispensabile per la tua salute creare anche solo un momento nella settimana per un rilassamento molto profondo.

 

L’ostetrica ti può aiutare a ricreare questo momento.

 

E’ fondamentale perché ti permette di restare completamente passiva, di essere nutrita sensorialmente, interrompere lo stress, scaricare le tensioni accumulate.

Questo è il momento in cui inizierai a sentire chiaramente i movimenti del tuo bambino che, non solo ha preso posto nel tuo organismo, ma piano piano sarà fautore della creazione di una relazione con te.

 

Questo è il momento in cui può iniziare un dialogo più diretto con lui.

 

Comunicare al bambino attraverso i sensi, nutrirlo con il tatto, con le immagini, la fantasia, i sapori, gli odori, la musica, il canto, la voce, stimola la reattività del tuo cucciolo e lo sviluppo degli organi.

Soprattutto attiva la relazione, terreno di crescita anche nel futuro.

Il tuo bambino risponderà agli stimoli esterni attraverso i movimenti e manifesterà il suo stato d’animo attraverso i sogni e le sensazioni che ti trasmetterà.

A questo proposito, nei corsi di preparazione alla nascita, racconto sempre quanto ci sia la possibilità di narrare ai cuccioli in pancia, la vita che la mamma e il papà svolgono.

Puoi raccontare, in un dialogo vocale o interiore, quello che stai facendo, quello che stai provando, un nuovo cibo che è diventato di stagione e che mangi, il tuo cantante preferito.

Le emozioni provocano reazioni fisiche ed ormonali che vengono percepite e vissute dai bambini in pancia. Tradurre con le parole ciò che loro hanno sentito fisicamente è un regalo prezioso.

 

Il tuo bambino entra nel mondo già quando è nella pancia, attraverso te.

 

L’interpretazione di questi stimoli è possibile, di nuovo, attraverso te.

L’ostetrica professionista, in questo periodo, ti può aiutare a creare un momento di rilassamento profondo mirato a te e alle tue necessità, può aiutarti a chiarire i dubbi che possono sorgere in questo momento, aiutarti a realizzare cosa ti aspetti dal luogo della nascita, ti può aiutare a comprendere quali sono gli strumenti per consolidare la relazione con il tuo bambino.

 

Ecco un regalo per te che stai leggendo, scarica la visualizzazione per il secondo trimestre di gestazione.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi