stanchezza in gravidanza primo trimestre

Il viaggio della gravidanza, primo trimestre – Seconda Parte

Stanchezza in gravidanza: Imposta la rotta e parti


Se accusi stanchezza durante il primo trimestre di gravidanza, c’è un motivo ed è molto semplice.

Lì nel segreto della pancia, nelle pieghe della parete uterina e nella parte inconscia del cervello, il bambino si sta manifestando.

Lui modifica molte delle tue attività fisiologiche, prende possesso di ogni tua cellula, la modifica, si fa spazio dentro di te per continuare a esserci e crescere.

 

Ti potresti accorgere di essere diversa, di vivere una trasformazione attraverso il corpo:

  • cambiano le sensazioni olfattive
  • il gusto
  • cambia l’alimentazione
  • il ritmo sonno-veglia
  • i ritmi comportamentali
  • cambia il seno
  • il corpo diventa più flessibile

 

Ti potrà sembrare un grande disordine.

 

Ti voglio dire che questo caos, che sperimenti, è fisiologico, specchio dei più ampi fenomeni di adattamento e cambiamento alla nuova vita che sta nascendo dentro di te.

Il caos non è solo corporeo, ti potresti sentire diversa anche nei comportamenti e nella sfera emotiva.

 

Potresti essere molto stanca, potresti non riuscire a essere concentrata come prima al lavoro, le energie fisiche sono diverse.

 

Il bambino, attraverso gli ormoni, ti sta dicendo: “Mamma, sono qui. Rallenta e accoglimi”.

stanchezza in gravidanza

Ciò è particolarmente importante: il tuo bambino si annida, viene “ricevuto” dal tuo corpo, si fa spazio e si deve far accettare.

Per questo la stanchezza in gravidanza è normale durante il primo trimestre.

Segui l’impulso al rallentamento, alla passività, questo è il tuo primo atto di accudimento materno.

Meglio degli esami e delle ecografie, asseconda il tuo corpo e la tua mente.

Prenditi qualche giorno di riposo, vai a letto prima, trova un’ora di stacco durante la giornata, queste sono tutte forme di comportamento che aumentano il tuo potenziale di salute e anche quello del tuo bambino.

 

A cosa serve un’ostetrica professionista in questo caso?

Un’ostetrica in questo periodo, ti può aiutare a comprendere cosa ti sta accadendo, può aiutarti a orientarti in questo percorso, aumentando la prevedibilità del percorso, prospettandoti i ritmi.

Insieme possiamo formulare un piano di assistenza ostetrica che ti metta al centro, a te la corona, sei tua la regina di questi momenti.

Scopriamo insieme le basi di salute di questo bambino e definiamo la data presunta del parto.

Ti fornirò tutte le indicazioni di igiene da seguire, come prevenzione ma soprattutto ti allenerai ad ascoltare il corpo per modificare i tuoi comportamenti.

Parleremo dei primi esami da fare e della diagnosi prenatale.

 

Il viaggio è partito, la rotta impostata. A te il timone!

Il tuo compagno è il comandante in seconda, io sono su un’altra nave, e navigo insieme a voi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi